Novità e spunti interessanti su fatturazione elettronica e innovazione digitale

La data di emissione della fattura elettronica

Il momento di emissione della fattura elettronica

Il passaggio evolutivo del processo di fatturazione da analogico-cartaceo ad elettronico-digitalizzato, porta con sé alcune importanti riflessioni, come per esempio la data di emissione: quando si considera emessa una fattura elettronica?

 

L’obbligo della fatturazione elettronica, annunciato rumorosamente dalla Legge di Bilancio 2018 e poi ribadito dal Provvedimento 89757/2018, dalla Circolare 8/E e – per ultima ma non meno importante – dalla Circolare 13/E, non ha modificato le regole contabili e fiscali dell’emissione della fattura, che in realtà sono rimaste sempre le stesse.

La normativa di riferimento che regolarizza l’emissione della fattura è contenuta nel DPR n. 633/1972, art. 6 e 21, dunque ben quarantasei anni prima che la fattura assumesse lo “status” di elettronica.

È pur vero che con l’introduzione dell’ obbligo di fatturazione elettronica, le regole relative all’emissione della fattura sono state riportate in auge. Questo perché la veicolazione obbligatoria dei documenti attraverso la piattaforma SdI rende tutto più trasparente e, rispetto a quella cartacea, consente meno elasticità e più rigore fiscale. Ed è anche per questo che ad oggi se ne impone l’obbligatorietà.

Dunque, quando considerare emessa la fattura elettronica? Per rispondere a questa domanda dobbiamo innanzitutto considerare la data di emissione.

 

Come indicato dal già citato articolo 21 (ma anche dall’articolo 6, sempre del DPR n. 633/1972), la data di emissione coincide sempre con la data indicata in fattura (vale a dire il campo “Data” della sezione “DatiGenerali”) della fattura elettronica, ed è indipendente dal momento di consegna della stessa. La data di emissione inoltre è obbligatoria in fattura (art.  21bis del DPR 633/72), e corrisponde al momento in cui l’imposta diventa esigibile.

Il momento di emissione è dunque un momento specifico definito da regole specifiche di emissione. Quali? Per rispondere, dobbiamo considerare le due tipologie di fatturazione previste proprio dall’art. 21: la fattura immediata e la fattura differita.

 

In caso di fatture emesse da corrispettivi (il comune scontrino) il momento di emissione coincide con l’atto dell’acquisto: qui la fattura viene emessa il giorno dell’acquisto ovvero all’atto stesso del pagamento.

In alternativa, è possibile emettere una fattura così detta differita: questa si produce quando, in occasione di più acquisti effettuati nel corso del mese, la relativa fattura viene emessa in un unico momento, entro il 15° giorno del mese successivo al mese di riferimento nel quale sono stati acquistati i beni o erogati i servizi oggetto di fatturazione. Preso atto di questo, sarebbe errato pensare che sia possibile produrre la fattura differita il giorno 14 datata fine mese. Piuttosto, sarà possibile emettere la fattura con la data del 14 riferita al mese precedente.

Cosa significa tutto questo? Semplicemente che con la fattura elettronica il momento di emissione diventa palese: la fattura è da considerarsi emessa nel momento stesso in cui viene prodotto l’XML e trasmesso al Sistema di Interscambio (SdI).

 

Non è quindi possibile trasmettere la fattura a distanza di giorni dalla data di emissione bensì è necessario trasmetterla lo stesso giorno

Ma, come ogni regola che si rispetti, ci vuole una eccezione. E dunque, considerata la complessità, sia a livello legislativo che tecnico, che il processo di fatturazione elettronica richiede –  il termine imposto è da considerarsi un po’ meno rigido di quanto stabilito. Lo afferma la stessa Agenzia dell’Entrate, sempre nella Circolare 13/E: “Non è improbabile che un iter di emissione, pur tempestivamente avviato, si concluda oltre le ore 24 del medesimo giorno”. Per questa ragione è tollerato uno scarto, seppur minimo, nella data di emissione della fattura. Di quanto non veniamo resi partecipi ma è auspicabile pensare che lo scarto possa arrivare al massimo di un giorno o poco più.

Entro questi limiti, quindi, la sanzione non viene applicata e la fattura può considerarsi automaticamente emessa nei tempi previsti.

Leggi anche: L’emissione della Fatturazione Elettronica: parte 1

 

Per approfondire:

Realizziamo periodicamente webinar dedicati a fare chiarezza su normativa, attori e processi chiave della fatturazione elettronica tra privati: se ti  sei perso la nostra ultima sessione, puoi sempre richiederla qui. Inoltre, per chi non l’avesse ancora fatto, ricordiamo che è sempre possibile scaricare gratuitamente il nostro e-book sulla fatturazione elettronica B2B.

Da sempre infatti accompagniamo piccole, medie e grandi imprese verso il superamento dei modelli di gestione tradizionali basati sulla carta che si rivelano sempre più inadeguati ad affrontare le sfide di mercato. Contattaci per ricevere maggiori informazioni sul servizio di fatturazione elettronica tra privati offerto da Indicom e richiedere una consulenza gratuita.

Resta aggiornato sul tema della fatturazione elettronica B2B: iscriviti alla nostra newsletter oppure seguici sui nostri canali LinkedIn e Facebook!

1 comment on “La data di emissione della fattura elettronica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *