LinkedIn

 

Novità e spunti interessanti su fatturazione elettronica e innovazione digitale

Spesometro ed Esterometro: proroga al 30 aprile

Spesometro ed Esterometro 2019: proroga

Due mesi in più per adempiere a Spesometro ed Esterometro, e Liquidazioni IVA prorogate al 10 aprile 2019. E’ quanto ufficializzato dal MEF in un comunicato pubblicato il 27 febbraio.

Le scadenze dell’Esterometro e Spesometro, in precedenza previsti per il 28 febbraio, sono state prorogate al prossimo 30 aprile 2019, mentre l’invio delle comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA del quarto trimestre 2018, sempre in precedenza previsto per l’ultimo giorno di febbraio, è stata spostata al 10 aprile. E’ quanto emerge dal comunicato pubblicato dal Ministero dell’Economia delle Finanze (MEF) lo scorso 27 febbraio.

Lo Spesometro 2019, che riguarda la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute nel terzo e quarto trimestre del 2018 oppure (per chi ha scelto la periodicità semestrale) il secondo semestre del 2018, è l’ultimo previsto in conseguenza dell’ingresso della fatturazione elettronica obbligatoria dello scorso gennaio.

L’ Esterometro è invece la nuova comunicazione telematica, a cadenza mensile, riferita ai soli dati delle fatture da e verso l’estero che non transitano dal Sistema di Interscambio. Come si è detto, il DPCM ha prorogato il termine al 30 aprile per la trasmissione dei dati dell’Esterometro relativamente ai mesi di gennaio e febbraio 2019.

La proroga era stata annunciata già lo scorso 14 febbraio da Massimo Bitonci, sottosegretario all’Economia, alla chiusura di un tavolo tecnico istituito per superare le criticità causate da un calendario fitto di tante scadenza fiscali.

«Si è voluto diversificare la scadenza dei termini per gli adempimenti relativi a Esterometro e Spesometro da quelli relativi alle comunicazioni Iva ed alla fatturazione elettronica. Ciò per dare maggior respiro e tranquillità nelle operazioni agli addetti» aveva dichiarato Bitonci.

Villarosa, l’altro sottosegretario all’Economia, ha successivamente aggiunto «La decisione rappresenta il superamento delle criticità rappresentate da intermediari e imprese sulla concomitanza delle scadenze fiscali di fine mese». 

IL DPCM sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale dopo la registrazione presso la Corte dei Conti.


Resta sempre aggiornato sui temi della Conservazione Digitale, della Fatturazione Elettronica e della Digitalizzazione: seguici su LinkedIn e iscriviti alla nostra newsletter!

 

Per approfondire:

Leggi anche: Come conservare le fatture elettroniche?

Leggi anche: Fatturazione Elettronica: pagamento imposta di bollo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *